Consigli su cosa vedere a Malta in due giorni

Consigli su cosa vedere a Malta in due giorni 

Arrivano due amici  che non hanno mai visto Malta e dobbiamo organizzare per loro un tour veloce dell’isola per fargli scoprire le sue meraviglie.

Il tempo a disposizione non è tanto ma vogliono conoscere l’isola senza oziare sulle spiagge e senza tour de force. Sono un po’ esigenti!

Che facciamo per visitare Malta in 2 giorni e poco piu’?

Noi abbiamo solo uno scooter e in 4 saremmo un po’ stretti.

Decidiamo di girare l’isola in bus. Vi assicuro che e’ possibile ed assolutamente comodo per chi non ha voglia di guidare (…per chi non lo sa qui si guida a sinistra come in Inghilterra), di perdere tempo nel cercare parcheggi e nel godersi il panorama tranquillamente , senza fretta di arrivare.

Nel pomeriggio di  venerdi andiamo a prenderli in aeroporto e in mezz’ora di bus siamo gia’ a Valletta.

Li accompagniamo all’hotel scelto per loro. Il tempo di lasciare le valigie e siamo pronti per girare a  Valletta.

Passiamo dalla nuova Piazza con la Fontana dei Tritoni, uno scorcio al nuovo Parlamento progettato da Renzo Piano e al vicino teatro e li portiamo a godersi il panorama delle tre città dagli Upper Barrakka Gardens.

Sono già entusiasti! Come inizio non è male.

Per me Valletta e’ stata amore a prima vista, ci sono tante altre cose da vedere nella piccola capitale ed ogni giorno riesco ancora a scoprirne di nuove ed a rimanerne affascinata.

Con l’ascensore scendiamo all’harbour e con il traghetto raggiungiamo Vittoriosa chiamata anche Birgu. La piccola traversata ci consente già di pregustare la visita della cittadina.

Appena scesi sulla banchina non possiamo non guardare estasiati e con un pizzico di invidia  le barche ormeggiate.

Saliamo nelle sue viuzze strette e arriviamo nella piazzetta. Li portiamo al bar della banda musicale per fare una sosta e sorseggiare una kinnie , la bevanda locale. Nasce una discussione se sia piu’ simile al chinotto o al ginger  e riaffiorano anche alcuni ricordi di quando da giovani si bevevano quelle bibite. L’età si fa sentire.

Alla sera decidiamo di restare a cena a Valletta e ci gustiamo dei piatti tipici da  Nenu Old bakery, compresa la ftira e la trippa, nonostante le temperature esterne. Poi qualche passo nella capitale , uno sguardo nei suoi locali  animati  con  po’ di musica. Rimangono affascinati dalla città e le luci fioche riescono a valorizzare anche i palazzi piu’ vecchi e dismessi.

Sabato mattina torniamo di nuovo a Valletta  per viverla di giorno con le sue vie piene di gente,  i negozi aperti , il mercato locale e per una sosta alla Cattedrale con lo splendido dipinto di Caravaggio. 

E’ una visita che non si puo’ mancare. Il dipinto e’ davvero impressionante da lasciarli a bocca aperta.

Facciamo sosta in una pescheria per la spesa per la nostra cena serale in casa e poi prendiamo nuovamente il bus per andare alla scoperta di un’altra zona dell’isola in direzione Bugibba .

Pranziamo in un baretto sul lungomare di Qwara, vicino all’acquario, con la brezza rinfrescante e la splendida vista dei colori azzurri e blu del mare. Anche senza soste in spiaggia non si puo’ non dare un’occhiata fugace ai colori del mare e il sole e’ dalla nostra per farli risaltare in tutto il loro splendore.

Malta e’ un’isola che riempie gli occhi di tanti colori e questo e’ solo un primo assaggio per loro.

Poi passeggiamo sul lungomare di  Bugibba con sosta per un gelato (per una golosa come me non poteva mancare).

Al rientro li portiamo a scoprire qualche angolino di St. Julians con la baia di Portomaso e di Spinola . Il tramonto rende questi angoli ancor piu’ affascinanti.

Gli scorci di Malta hanno colpito nel segno.

E’ l’ora di cenare con il pesce fresco comprato al mattino e lasciamo a loro, provetti cuochi , i fornelli per dei piatti deliziosi.

Domenica mattina facciamo una visita un po’ turistica al mercato del pesce di Marsaxlokk per scoprire qualche angolo suggestivo del villaggio dei pescatori e per pranzare in uno dei ristorantini locali.

Nel pomeriggio andiamo alla volta di  Mdina a fargli conoscere  la città del silenzio.

C ‘è  poca gente nelle vie, un po’ di turisti e alcuni locali tutti eleganti che si dirigono ad un matrimonio in Palazzo De Piro. L’atmosfera è rilassante e nello stesso tempo incantevole.

Li portiamo sui bastioni dove scorgere Valletta, Sliema , la cupola di Mosta, Bugibba   e da buoni golosi non ci facciamo mancare una sosta a Fontanella per una torta al cioccolato .

Anche le visite di oggi si rivelano vincenti.

Alla sera concludiamo in bellezza con una cena  con vista su Valletta prima al tramonto e poi illuminata dai classici fuochi d’artificio.

Cosa volere di piu’ per un assaggio di Malta. Anche loro si sono già innamorati dell’isola.

Non si puo’ partire per un viaggio senza una guida, e se non volete noi al nostro fianco ecco la nostra guida insolita ” Che senso ha Malta?”  assolutamente consigliata per conoscere Malta attraverso gli occhi e tutti i 5 sensi di chi la vive ogni giorno.